Mogli schizzate di sborra

Mogli schizzateUn piacere per pochi intenditori. Desideri intimi nascosti tra le lenzuola di casa. Le cose che si sanno ma non si dicono. In questo caso abbiamo la possibilità di vederle in questo filmato che ripropone quanto di più gioiosamente perverso ci può essere nell´orgasmo maschile. Personalmente ho avuto la fortuna di imbattermi in qualcuna di suddette porcelle che si eccitavano a ingoiare ed a farsi schizzare. Non me lo posso scordare quando quella volta, dopo aver bevuto il mio succo caldo, lei mi ha detto “Avevo sete!” e poi si è messa a ridere da brava puttanella facendomi salire di nuovo il sangue fino alla cappella. Nel caso specifico invece, queste mogliettine sono proprio lanciate e sembrano ormai aver preso confidenza con gli uccelli dei propri mariti. Non si tratta di eccezioni ma della regola… Mi diverte vedere quando lo schizzo le colpisce in un occhio facendole sobbalzare, oppure quando la sborra ha un retrogusto diverso dal solito e il palato fa fatica ad adattarsi… Il tutto viene bilanciato però dalla soddisfazione che le nostre signore provano nello svuotare i coglioni gonfi di noi poveri uomini che ritorniamo a casa dopo una lunga giornata di lavoro, dopo aver dovuto sopportare la segretaria del capo che con le sue tette al vento e la camminata da troia, ci lanciava occhiate di sfida mista a superiorità. Troie che attentano alla salute dei nostri cazzi! E qui si sta parlando di grossi cannoni che spruzzano neve liquida in quantità industriale. Cerchiamo di rilassarci arrivando a casa e cercando la complicità o la voglia di giocare a “quanto in gola te lo posso ficcare?” Mi sembra di sentire i loro pensieri “Bl!Bl!Bl! Mi stai soffocando di sborra! Pf! Pf! Ngl” e via giù con litri di bianco liquido ricco di proteine. Alcune, inebriate dal momento intimità, mi hanno confessato che lo sperma faccia bene alla pelle ed è per questo che si offrono alla colata del pene. Però a mi è sempre sembrata tanto una scusa. Voglio dire, per me si giustificano del fatto che se ti piace la sborra si è giudicata per una troiona e allora si ripiega su questo aspetto. Non vorrei ripetermi: se una donna spompina bene, ci saranno delle grandi possibilità che scopi come una selvaggia e di conseguenza ci saranno altrettante possibilità che ingoi o si faccia sborrare dappertutto. Tutto sta nello sperimentare, nel non vergognarsi, nel non giudicarsi. Per cui mi rivolgo anche ai signori uomini: se avete una donna a cui piace questo, non fatela sentire una puttana più del dovuto… :-)

Pubblicato in Amatoriale, Autoreggenti, Bionda, Capelli Rossi, Caucasica, Cazzo grosso, Latina, Lingerie, Masturbazione, Milf, Pompino, Pornostar, Pugnetta, Ragazza giovane, Sborrata, Sesso orale, Tette grandi | Contrassegnato , , , , , , , , , , , | Commenti disabilitati

Lo ingoia tutto dopo cena

Dopo CenaMi ha telefonato dicendomi “Caro, stasera ti aspetto per cena. Ho organizzato una sorpresa per te…” Sapete, anche a noi maschi piacciono le sorprese ed allora dopo una settimana di lavoro mi sono detto che quella sarebbe stata un`occasione davvero ghiotta da non lasciarsi sfuggire. Siamo insieme da pochi mesi e sono molto contento delle sue doti in cucina. Le sue origini siciliane all´inizio mi hanno un pò frenato ma era solo un mio stupido pregiudizio. Il fatto che fosse avvocatessa non mi ha per niente facilitato le cose ma per fortuna ho saputo guardare oltre alle apparenze. Come dicevo, sono rientrato a casa, un pò stanco e il profumino era già presente in quasi tutta la casa. “Amore? Dove sei?” il suo profumino dolce si mischiava con gli aromi delle pietanze. Sento la risposta provenire da uno dei due bagni ” Amore, sono qui! Mi sono appena fatta una doccia e mi sto rivestendo!” “Ok! Io vado a farla adesso. Uso l´altro allora!” le ho risposto e mi sono diretto verso la porta bianca della camera da letto. Entro, mi svesto velocemente ed il freddo della ceramica del piatto doccia mi fa venire i brividi, apro l´acqua calda e questo sbalzo di temperatura mi provoca una grossa erezione. La cosa non mi stupisce più di tanto e con l´aiuto di un pò di sapone me lo massaggio un pò, premo un pò sulle pareti, le vene sono ben in evidenza e prima di lasciare che i miei pensieri divaghino troppo, riprendo il controllo, mi risciacquo e finisco di mettermi a posto. “10 minuti ed è pronto in tavola!” La sua voce ha un non so che di strano, mi sembra diversa… I dieci minuti passano in fretta, apro la porta del salotto e vengo letteralmente rapito da lei e quella tavola imbandita con grande cura, al cui centro spiccano due candele lunghe e bianche accese. Naturalmente il vino ed i calici per accompagnare una cena romantica. Tutto procede senza intoppi, approvo e sono pienamente soddisfatto di tutto quello che Jenny ha preparato. Iniziamo a parlare del più e del meno però mi accorgo che nei suoi occhi una luce,  particolarmente erotica, brilla piú che mai. Cerco di capire di cosa si tratti, lei sta al gioco e dopo un pò alzandosi dalla sedia inizia a spogliarsi completamente. Mentre lo fa, mi confessa che negli ultimi 3 mesi ha preso lezioni da Madame Lily, una professionista del sesso che le era stata presentata dalla sua migliore amica, perchè sentiva di non essere abbastanza porca per me. Pezzo dopo pezzo cadono le maschere ed un sorriso affiora sul mio viso. L´erezione sotto la doccia sembra un lontano ricordo, questa è di gran lunga superiore e ci metto poco a capire che questa serata segnerà definitivamente una svolta per il nostro rapporto.

Pubblicato in Anale, Autoreggenti, Bionda, Cazzo grosso, Ditalino, Lingerie, Masturbazione, Pecorina, Pompino, Pugnetta, Ragazza giovane, Rasata, Sborrata, Sesso orale, Tette grandi | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , | Commenti disabilitati

Un amore perverso con il trans.

Trans amoreIl Brasile, come l´Italia, è terra misteriosa. In quella grande nazione puoi trovare davvero di tutti e non mi riferisco solo alla natura ma anche all più sterminate categorie di gente. La mia curiosità mi ha spinto a viaggiare in lungo ed in largo. L´Italia rimane il mio paese preferito ma il Brasile viene subito dopo. Il motivo non è molto semplice da spiegare. Ero sposato, con mia moglie andava tutto bene, lei era una gran bella donna, attiva sessualmente, porca ai massimi livelli, ma io sentivo che questo non mi bastava. Era chiaro per me questo senso di insoddisfazione dovuto forse all´abitudine di chiavare allo stesso modo un corpo che non mi sorprendeva più. Ero deciso ad andare a cercare qualcos´altro e a bordo della mia macchina una sera, mi ero spinto verso il solito viale che percorrevo per ritornare a casa. Mi aveva attirato lì un trans di nome Pamela. Lei era brasiliana ma i suoi lineamenti erano dolci e la corporatura era elegante. Mi avevano colpito soprattutto le sue mani e sono state quelle a farmi andare in estasi quella notte. Avevo preso la decisione, avevo lasciato la mia fidanzata ed ero partito subito alla volta di Rio De Janeiro. L´ambientamento non era stato dei migliori, la criminalità era molto alta ma comunque ero riuscito a cavarmela sistemandomi in una casa in affitto poco distante dal centro. Le amicizie erano arrivate subito dopo e con loro l´amore. Avevo conosciuto Nicole ad una festa, mi lanciava sguardi carichi di voglia e poco tempo tempo dopo mi avrebbe confessato che a colpirla era stata la mia erezione violenta che a stento riuscivo a controllare nei pantaloni. Qualche drink ci aveva aiutati a rompere il ghiaccio, lei era ormai lanciatissima e continuava a passarsi la lingua sulle labbra perché sapeva di avermi in pugno. Io pensavo che fosse una troia ma allo stesso tempo desideravo penetrarla per farla urlare di piacere. Preso da un impeto mostruoso, le avevo messo una mano tra le gambe e stupito mi ero accorto che anche il suo fallo era in piena erezione. Ero letteralmente eccitato come un lupo. Lei mi ha confessato che da lì a poco avrebbe avuto un incontro sessuale con un suo amico ed io non mi sono fermato nemmeno davanti a quello. Volevo assolutamente vedere dove sarebbe andato a finire quell´incontro. Un leggero imbarazzo imbarazzo iniziale. Lei aveva portato un caffè, intanto continuavo a scambiare qualche parola con il mio compagno di buco che era più giovane di me. Lo sbarbatello era alla sua prima esperienza con un trans e come me, quella sera nel viale, cercava qualcosa di forte. Seduti sul divano aspettavamo solo che lei ci dicesse quando potevamo iniziare ed il segnale era arrivato puntuale: una bretella della canotta nera era scivolato giù. Il mio cazzo aveva preso a pompare sangue in tutti i suoi vasi sanguigni ed era già bello gonfio. Julio era un pò più in ritardo ma come dargli torto, la prima esperienza era sempre la più incerta. Nicole lo aveva capito e da stronza sbocchinava solo il mio perchè le piaceva vedere che reazione poteva provocare ad un cazzone italiano. Fisicamente era stupenda, soda e giovane. Il suo cazzo era moscio e questo mi dava ad intendere quanto fosse donna, quanto aspettava fortemente che gli riempissi il buco del culo. Quella notte era durata moltissimo. Julio aveva svuotato solo i suoi giovani coglioni, io avevo trovato un nuovo amore: Nicole.

Pubblicato in Bisessuale, Cazzo grosso, Ditalino, Latina, Masturbazione, Pecorina, Pompino, Pugnetta, Sesso a Tre, Sesso orale, Tette grandi, Transessuale | Contrassegnato , , , , , , , , , , | Commenti disabilitati

Coppia gira un video amatoriale

Giovane CoppiaIn una stanza di albergo di una zona di periferia di New York una giovane coppia decide di girare un video porno amatoriale. I due giovani non superano i 30 anni ciascuno ma sembrano decisi a portare avanti il loro progetto voyueristico. Il cameraman dell´evento sarà un loro amico di vecchia data che è già a conoscenza del vizietto dei suoi due amici. Lei sembra molto più tranquilla di lui che ha la fronte leggermente imperlata di sudore. Naturalmente i nostri occhi di giovani pervertiti ci mettono pochi secondi per individuare due grosse mammelle che spuntano dal top della giovane fichetta. Una breve serie di domande, a mò di intervista, per rompere il ghiaccio e i due si ritrovano nudi sul letto, le cui coperte sono di un gusto leggermente discutibile… Ma sono dettagli. Un cazzo ricurvo all´insù svetta tra le gambe del nostro glabro amico, la sua pelle bianca e il fisico che potremmo definire come quello “del figlio della signora del piano di sopra”. Tutto però si trasforma quando a giudicare dal colore del viso del giovane, qualcosa di interessante sta avvenendo nelle sue parti basse: lì, con una voglia tremenda di far godere il proprio partner appunto, la biondina tutta tette, lingua e mani, sta facendo più che il suo dovere ingoiando a ripetizione il pisello che viene lubrificato in modo omogeneo. Punta e pareti vengono inondati di saliva e il movimento (succhiare e affondare) provoca uno squotimento di bocce come da copione. Per qualche istante lei prova a fermarle trattenendole con un braccio ma le due “gemelle” sono troppo imponenti ed è meglio continuare a dedicarsi alla nerchia del suo uomo. Sorpresa in arrivo quando, lei compie un giro di 180° sbattendogli la fica in piena faccia: mi sono immaginato che nella sua mente volesse dirgli “adesso fammi vedere se riesci a far godere me come io sto facendo godere te!!!!”. Una lotta quasi impari amici miei. Sicuramente lui ci mette tutto il suo impegno ma lei è in vantaggio. La situazione però sembra svoltare quando arriva il momento della pentrazione: le cosce della tettona sia aprono a ventaglio, i grossi meloni si posizionano ai lati del busto (potrei quasi sborrare per questa immagine!!!) e la nerchia trova la sua strada in fica, calda e lubrificata. Piccoli colpetti iniziali, il viso di lei si contrae dal piacere e le sua braccia dapprima piegate, si stendono per andare ad accarezzare il corpo del suo maschio che sente di dover dare fondo a tutta la sua energia per soddisfarla e così inizia a pompare duro. Impazziscono i seni che vengono avvolti dalle mani di lei che amorevolmente li porge alla bocca del compagno per farseli succhiare (sto risborrando!!!). Il debole per i seni grandi non mi fa essere imparziale nel proseguire a raccontare questa storia. Sono assolutamente naturali e pieni di vita. Quando la vederete a pecorina o a smorzacandela vi sarà molto più chiaro quello di cui vi sto parlando…

Pubblicato in Amatoriale, Bionda, Masturbazione, Pecorina, Pompino, Pugnetta, Ragazza giovane, Rasata, Sborrata, Sesso orale, Tette grandi | Contrassegnato , , , , , , , , , , , | Commenti disabilitati

La fa impazzire con ripetuti orgasmi

BlackSi incontrano ogni domenica a casa della signora. Lei è separata da un pò di anni, suo figlio è ormai grande e a casa ritorna solo durante le feste. Il tempo non le manca e dopo aver scoperto di avere un grande appetitto sessuale decide di dargli sfogo senza preoccuparsi troppo di quello che i vicini possono pensare. Lei non vede l´ora che le domeniche arrivino per ricevere la gradita visita e non c´è altra cosa al mondo che la faccia stare bene. Davanti alla porta si presenta il suo amante: un ragazzo tutto nervi, pelle nera e cazzone enorme. L´aria nell´appartamento diventa elettrica, lei si presenta con un vestito trasparente e tutto il suo corpo nudo viene messo in bella mostra mostra agli occhi dell´amante che sa già come andrà a finire… Lo fa accomodare, i due sul divano si lanciano occhiate di fuoco, lei allarga le cosce per fargli vedere la fica calda e un pò bagnata. Deve per forza provocarlo, altrimenti il gioco e la passione li trascinerebbe nell´abitudine e sarebbe la fine. Un bicchiere di vino rosso per scaldare i tendini e far affluire il sangue nei posti giusti. Ed è proprio in questa occasione che avviene il primo contatto: le mani si sfiorano, la pelle è calda e dopo il vino lo sarà ancora di più… Quanto basta affinchè i due si avvicinino e lui prendendole la mano gliela porta sui pantaloni ormai gonfi del suo ardore più acceso. Come una luce che si accende spandendo tutto il suo chiarore in una stanza, così nel cervello della Signora tutto è più chiaro, troppo chiaro. Scivola in basso puntando le ginocchia, sbottona rapida il jeans e liberando il serpente si fionda sulla cappella irrorata di sangue, iniziando a spompinare da vera professionista. La foga, l´impeto con il quale procede sembra quasi attribuirle 18 anni e in effetti al signora si mantiene bene. La danza di corpi li fa arrivare nella stanza da letto. Lì si consuma l´ennesimo rapporto sessuale ma a giudicare dalla quantità di orgasmi che la signora riesce a raggiungere possiamo ipotizzare due cose: che lui ci sia fare sul serio e che lei non potrà mai guarire dalla sua dipendenza dal cazzo.

Pubblicato in Amatoriale, Anale, Capelli Rossi, Cazzo grosso, Ditalino, Interrazziale, Masturbazione, Milf, Pecorina, Pompino, Pugnetta, Rasata, Sborrata, Sesso orale, Squirting | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , | Commenti disabilitati

Ero ad una festa e mi sono ritrovato in un´orgia

FESTA ORGIAIl mio migliore amico Matteo mi ha invitato a questo party estivo, in una villa di una località in cui non ero mai stato prima. La zona era pianeggiante e piena di verde, l´erba tagliata con cura quasi come in un campo da golf. L´enorme villone bianco si trovava proprio in mezzo a questo mare formato da un´unica tinta e quindi il contrasto esaltava ancor di più il chiaro del legno all´esterno della casa. Matteo non mi aveva detto nulla in merito, non conoscevo i Signori Della Valli che ha detta sua erano migranti italiani che nel lontano 1930 erano sbarcati in America facendo fortuna nel settore del tessile. Probabilmente noi avevamo a che fare con la quarta-quinta generazione e devo dire che la loro ricchezza era ben visibile. Fatto sta che siamo arrivati con l´auto al parcheggio e ci siamo diretti verso l´ingresso. Là ci hanno raggiunti delle ragazze che a quel che ho capito erano amiche della figlia del Della Valli. Un rapido sguardo ai loro indumenti e già pareva che fossi in un´altra dimensione. Faceva caldo, ok, ma una delle due non aveva il reggiseno e due enormi meloni le pendevano dallo sterno aprendosi in basso verso i lati del busto. Rapida occhiata di intesa con il mio amico, sorriso perverso e ding dong, suoniamo il campanello. Le due ragazze che ci sono venute ad aprire erano ancora “peggio” o anche meglio, dipende dai punti di vista. Una bionda, l´altra castana, sprizzavano allegria da tutti i pori e subito ci sono corse ad abbracciare, il che sembrava naturale per Matteo ma non per me, voglio dire, non mi conoscevano. Ed invece, tra un “come stai?” ed un “quanto tempo è passato dall´ultima volta?”, fino ad “ti trovo in splendida forma” ecco che ci ritroviamo seduti sulla moquette intorno ad un tavolino bianco posizionato davanti ad un divano in un enorme salotto in stile classico. Ero un pò nervoso al contrario di Matteo e come in molte altre situazioni è stato l´alcol a darmi una mano. L´atmosfera si è subito surriscaldata e la padroncina di casa ha tirato in mezzo tutti con il gioco della bottiglia naturalmente il leit motiv del giro era quello di denudarsi a vicenda di qualche indumento personale… Capitemi amici, fuori c´erano 35° e come vi ho detto prima non è che fossimo molto vestiti, per cui sono voluti un paio di giri per vedere avverato il mio sogno di osservare da vicino quelle due poppe magnifiche della bionda che mi stava di fronte. Plof! Plof! Entrambe le mammelle sono venute giù come due massi durante una frana ed i capezzoli erano tamente grandi che li sentivo sfiorarmi le labbra turgidi e caldi. Intanto la bottiglia continuava a girare e i pezzi continuavano a cadere sulla moquette alle spalle o ai lati di ognuno di noi. Due giri ancora sono bastati alla morettina di fianco per stupirmi con due seni assolutamente di prima scelta e da lì a 5 minuti il tutto si è trasformato in “paga pegno”. L´alcol ha raggiunto livelli in cui sarebbe stato impossibile controllare gli istinti più nascosti e tutta quella carne ci ha trasformati in lupi, pecore… e pecorine. Le prime lingue si sono intrecciate. Matteo ormai limonava da un quarto d´ora e dopo che le cose erano state stabilite un “paga pegno” della bionda tettona lo aveva premiato con una pompa calda da parte della più punki del gruppo che con un´assoluta padronanza del mezzo regalava al mio amico un´erezione da Champions. Pochi istanti dopo anche il mio uccello si trovava in bocca a quella bionda che avevo sognato fin dall´inizio ma quello che è successo dopo vale la pena raccontarlo ai nipoti (quando cresceranno) un pò… Matteo mi ha confessato il giorno dopo che lui era al corrente di tutto e non era la prima volta che quello succedeva in casa Della Valli e che ci saremmo ritornati molto presto per un altro party, con alcol ovviamente.

Pubblicato in Anale, Bionda, Bisessuale, Capelli Rossi, Caucasica, Ditalino, Doppia Penetrazione, Latina, Lesbo, Masturbazione, Orgia, Pecorina, Pompino, Pugnetta, Ragazza giovane, Rasata, Sborrata, Sesso a Tre, Sesso orale, Tette grandi | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Commenti disabilitati

L´operaio si scopa la moglie del capo

Mora pompaEra andata in fabbrica a trovare il marito. Non era la prima volta. Era costretta a farlo perchè lui la trascurava per il lavoro. “Chi vuoi che porti i soldi a casa? Se non lo faccio io come potresti avere tutto quello che vuoi?” In effetti una parte di quello che le diceva suo marito era vero. Viaggi, spa, scarpe, ristoranti, gioielli e ogni genere di comfort provenivano dal lavoro di suo marito e lei non aveva mai avuto il bisogno di lavorare. Peò come spesso accade in questi casi, la presenza di un machione tra le lenzuola era qualcosa che lei non riusciva a togliersi dalla testa. Questa soddisfazione le mancava e la sua bellezza la portava a fare molte fantasie che finora non l´avevano spinta a passare dalle parole ai fatti. Come dicevo, era pomeriggio. Vestita di nero e abbastanza provocante scendeva le scale ed era visibilmente vogliosa, come una cacciatrice che però sapeva di essere già finita nella tela del ragno… Il tempo di darsi un´occhiata in giro, di sistemarsi i capelli lasciando che l´ottimo profumo che indossava si spargesse in tutto l´ambiente a segnalare la sua presenza ed ecco che compariva nello stesso posto un dipendente del marito. L´occasione che stava aspettando da tempo le era stata servita su di un piatto d´argento. Ora l´unica cosa da fare era coinvolgerlo nel gioco amoroso. Ma in questi casi si sa: la donna decide e il vero uomo esegue. Un paio di scalini e il jeans bianco dell´uomo si posizionava ad altezza delle labbra della mora che ormai non pensava più ad altro. Ormai il suo cazzo era in visibile erezione e avvicinandosi lei cominciava a leccare la parte che corrispondeva alla cappella, fino a quando non era arrivato il momento di liberarlo dalla gabbia per affondarlo tra le labbra di una donna sempre più coinvolta nel suo disegno diabolico. Le vene sul cazzo erano gonfie e davano alla nerchia un aspetto imponente, al quale lei rispondeva con ingoi lenti ma precisi, seguiva poi ad impugnarlo con mano curata e ad riaffondare il pompino successivamente per succhiare dal punto più in basso che poteva fin su alla cappella. Il patto ormai era suggellato e si poteva benissimo procedere. Lo scaltro operaio sapeva il fatto suo. A suo agio con quella troietta assatanata, metteva la signora a pecora ed iniziava a leccarle culo e passera per prepararsi alla penetrazione violenta. Mani grandi che operavano in armonia con il gran culo della sua vittima… Pochi istanti e lui infilava la sua nerchia diretta nel culo. Quello che di primo acchito poteva sembrare un´offesa per la signora era assolutamente un premio, finalmente qualcuno sfondandole il culo le stava facendo ricordare quanta repressione aveva dovuto subire per colpa di quella specie di patto in denaro che aveva stipulato sposando suo marito. Si stava liberando per sempre di quella condizione? Non lo sapeva ma non era quello il momento di pensarci…

Pubblicato in Anale, Caucasica, Cazzo grosso, Ditalino, Lingerie, Masturbazione, Pecorina, Pompino, Pugnetta, Ragazza giovane, Rasata, Sborrata, Sesso orale | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Commenti disabilitati

Mia moglie beve il mio sperma

IngoioQuando mi hanno chiesto perchè io abbia sposato questa biondona ho sempre cercato di tenere nascosto quale fosse il suo segreto (il nostro…). Non è mai stata una donna di casa ma le sue doti ho imparato a conoscerle dopo il secondo apputamento. Lì ho capito che doveva per forza diventare mia moglie. Convincerla a giocare con me e la telecamera mentre spompina il mio cazzone duro è stato un gioco da ragazzi. Il risultato è questo: una bella compilation di ingoi, e solo nel rivederla, non posso veramente credere che lei abbia bevuto così tanta sborra in tutti questi anni. In qualsiasi condizione, in qualsiasi momento, quando lei ha voglia di bere mi avvisa ed io mi metto a disposizione. Mi fa sentire sempre arrapato e non avrei potuto desiderare una moglie più maiala di così. Con il suo fisico mozzafiato, le sue tette giganti e il suo sguardo da assatanata mi regala sempre forti emozioni che mi danno il giusto stimoli a soddisfarla nel migliore dei modi. Vederla felice nel momento in cui il mio sperma le inonda la bocca mi fa impazzire. E quando manda giù so che la sua sete è appagata solo per un`istante, infatti alcune volte lei mi aspetta pazientemente perchè ne vuole ancora, e ancora…

Pubblicato in Amatoriale, Autoreggenti, Bionda, Cazzo grosso, Masturbazione, Milf, Occhiali, Pompino, Pugnetta, Sborrata, Tette grandi | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , | Commenti disabilitati

La nostra calda e vogliosa Selen…

Amarcord SelenEro piccolo, non avevo ancora l´età giusta e quando mi facevo le seghe non usciva la sborra calda come adesso, eppure qualcosa mi diceva che qualla donna bionda dallo sguardo intenso sarebbe rimasta per sempre impressa nella mia mente (molto perversa) come un punto di riferimento su come una donna deve essere a letto. È sempre stata calda, vogliosa, in alcuni momenti sul set la vedevi entrare in un´altra dimensione. L´ho vista parecchie volte chiudere gli occhi mentre un cazzone enorme le apriva le labbra, le riempiva la bocca e la gola facendola quasi strozzare. Ma tutto questo non le bastava mai. All`epoca non capivo bene quale fosse la differenza tra lei e le tante attrici americane puttane-ninfo che affollavano i miei pomeriggi e che mi facevano comunque arrapare. Invece adesso mi sembra che questo sia più chiaro, guardando con occhi diversi i suoi accoppiamenti ti rendo conto subito che c´è una classe innata nelle sue movenze. Ho pensato a lei come una contessa dalle voglie spropositate che non resiste, oppure cerca di farlo e ne viene sopraffata, e si sfoga con tutta se stessa affinchè almeno per il momento ne sia appagata. La sue forma l´hanno sempre aiutata nell´approcciarsi al personaggio ed i particolari l´hanno valorizzata sempre ed in qualsiasi scena. Per esempio in questa (il cui doppiaggio lascia a desiderare…): arriva con questo vestito/tunica color porpora con spacchi laterali dalle quali si intravvedono gli autoreggenti neri (grrr), rigoroso sandalo a zeppa alta, un bracciale al polso sinistro, il bicchiere in mano e (scudate se è poco) il modo in cui si avvicina a lui e quello che ha di sedersi, per me, vanno oltre il porno ed entrano più in sfera erotica e di corteggiamento che nel porno è nullo. Si sistema i capelli, lo guarda intensamente lascia che la lingua del suo amante le penetri la bocca. Cambiano i frame e la belva si rivela. Il suo sguardo ci racconta cosa sta succedendo dentro il suo corpo, quali fiamme possano bruciare, quali perversioni possano spingerla a fare un simile pompino. La testa si muove in armonia con lingua, bocca e mano. Mi è diventato già duro… Apre la bocca, affonda e tira succhiando tutta la cappella mentra la mano destra accarezza la gamba del suo amante. Ha pazienza e fretta allo stesso tempo. Potrei aggiungere altro ma mi limiterò a farvi gustare il video con occhi diversi dal solito…

Pubblicato in Autoreggenti, Bionda, Cazzo grosso, Ditalino, Lingerie, Masturbazione, Pecorina, Pompino, Pornostar, Pugnetta, Ragazza giovane, Rasata, Sborrata, Sesso orale, Tette grandi | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , | Commenti disabilitati

L´orgasmo di Gianna

Gianna 1Lei é Gianna Michaels. Un nome non dice niente ma un viso e un corpo come il suo possono dire molto, anzi tanto. Dire di lei che é una porca senza limiti non rende giustizia al suo appetito sessuale che in tanti anni di carriera l´ha vista protagonista di ogni tipo di scene e performance che l´hanno resa una delle più famose nel panorama mondiale. La sua caratteristica principale é la violenza con la quale scopa, le piace essere un pò maltrattata dal partner, abbandonandosi completamente alle pulsazioni sessuali che si scatenano davanti alla telecamera. Dalla sua parte ha un corpo giunonico che le permette di entrare fin dall´inizio nel cervello, e nel desiderio, di chi la osserva, facilitata da due enormi tette naturali (dettaglio non da sottovalutare..) che farebbero gola a tutti. Infatti, in questa scena, lei ci appare in lingerie, assolutamente arrapante. La sua postura ci fa capire come desidera avere qualcuno con cui giocare sul divano. Gli occhiali accentuano il suo sguardo da leonessa affamata con il quale lei sa come fissare l´obbiettivo, trasmettendo in noi un senso di assoluta complicità. Le treccine che le scendono sul petto, i seni che vengono quasi protetti dal body che da un pò sull´azzurro, il sorriso che si allarga mostrando dei denti perfetti, fanno da contrasto con le parole da porca che pronuncia ma questa é Gianna. Si trasforma. Quando impugna il suo enorme dildo, lei passa dalle parole ai fatti. Si leva gli occhiali, se lo appoggia tra le enormi tette, lo succhia un pò e lo spugnetta come se appartenesse davvero all´ennesimo uomo pronto ad accoppiarsi con lei. In un crescendo di pompe, spagnole e pugnette, si appoggia con la schiena al divano spalancando le gambe che da lí a poco faranno spazio all´enorme cazzo. Lavora di punta come una brava maestra. Lo infila poco a poco, vuole che il suo piacere aumenti centimetro dopo centimetro. Si eccita sempre si più, il suo piacere sale come spinto dal fallo che entra sempre più dentro, e ancora più dentro. Ormai é lì che non aspetta altro che di sfondarle la fica, ed é così che lei in preda ormai all´eccitazione si dimena come una pazza sul sofà, le sue poppe ballano in preda ai colpi, e si regala l´orgasmo. Il suo grido lo testimonia, le gambe si chiudono insieme agli occhi, la sua testa va insdietro ed i brivi di s´impossessano del suo corpo. Ancora qualche altro colpetto e poi svanisce come in un sogno…

Pubblicato in Autoreggenti, Caucasica, Lingerie, Masturbazione, Milf, Occhiali, Pompino, Pornostar, Pugnetta, Rasata, Sesso orale, Sexy Toys, Tette grandi | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , | Commenti disabilitati